Parrocchia Migliarina-Terminetto Viareggio

Unità pastorale: Chiesa S. Maria Assunta: Via Mons. Enrico Bartoletti 7; Chiesa Madonna del Buon Consiglio: Piazza del Buon Consiglio 9 – Viareggio

Le parrocchie e l’unità pastorale

Parrocchia della Madonna del Buon Consiglio
terminetto

La parrocchia della MADONNA DEL BUON CONSIGLIO al TERMINETTO è’ sorta intorno agli inizi degli anni 50 nel Quartiere del Terminetto, distaccandosi dalla Parrocchia di Sant’Antonio su un territorio, compreso fra la zona del Comune di Massarosa, la Via di Montramito, la Via Aurelia e la Via Consorziale, Via che, qualche anno più tardi, segnerà il confine con la Parrocchia che nel 1965 sorgerà nel quartiere della Migliarina.

Anche il Terminetto aveva caratteristiche rurali con pochi abitanti; solo nel dopo guerra vi fu un primo incremento demografico per arrivare poi intorno agli anni 50, alle costruzioni di edilizia popolare e di villette che segnarono una vitalità nuova per il Quartiere che, insieme alla Migliarina, costituirà poi quella zona periferica oggi denominata la “Viareggio nuova”.

Fu in conseguenza di questo primo incremento demografico che per la Chiesa di Lucca incominciò a prospettarsi l’esigenza di un nuovo progetto pastorale per il Terminetto. La concessione di un’area di terreno da parte del Comune di Viareggio, lungo la Via Portichina, per l’eventuale costruzione di una nuova chiesa segnò l’inizio della realizzazione di questo progetto. Fu infatti, in data 22 Agosto 1958 che l’Arcivescovo Mons. Antonio Torrini costituiva la Parrocchia della Madonna del Buon Consiglio nominandone primo Parroco don Enzo Tambellini, già Curato della Basilica di San Frediano in Lucca. A don Renzo, assieme al mandato di dar vita alla nuova comunità, il Vescovo consegnava una tela settecentesca della Madonna del Buon Consiglio (da qui il nome alla nuova comunità) che in precedenza si trovava a Viareggio nella Chiesa di Sant’Antonio e che fu portata in salvo a Lucca dopo che la Chiesa dei PP.Francescani era stata bombardata. Quel gesto, oltre che invocazione della protezione della Verdine per la parrocchia che stava per muovere i primi passi, voleva essere anche un segno di comunione con quella che era stata ed era ancora la Chiesa madre. Appena giunto a Viareggio, con entusiasmo il nuovo Parroco si adoperò per dare al Terminetto le prime strutture nell’intento di far muovere alla nuova parrocchia i primi passi. Subito, con la collaborazione dei fedeli e certamente non senza sacrifici, inizio la costruzione di un salone che fu adibito a chiesa parrocchiale e di alcune stanze che divennero casa canonica e locali parrocchiali. Dopo questo primo intervento, il lavoro della comunità si intensificò ulteriormente fino alla costruzione della nuova chiesa parrocchiale che fu inaugurata e consacrata dall’Arcivescovo Mons. Giuliano Agresti l’11 Aprile 1976.

 

Parrocchia di santa Maria Assunta

MAR_9096La Parrocchia di Santa Maria Assunta, nel Quartiere Migliarina, è una delle parrocchie più “giovani” della Zona Pastorale di Viareggio.
Fino al 1965 il territorio “Migliarina” faceva parte della Parrocchia di San Paolino, ed era la zona rurale compresa tra la Ferrovia, la zona del Terminetto e il territorio dei Comuni di Massarosa e Camaiore: una zona abitata da poche centinaia di persone dedite per lo più all’agricoltura.

Solo verso la fine degli anni ’40 e gli inizi degli anni ’50 incominciarono le prime costruzioni e vi fu così un primo, ma leggero, incremento demografico.
Una “presenza di Chiesa” nel quartiere si ebbe però già nel periodo della guerra. In quel periodo, a causa anche dei bombardamenti, ritenendo la zona Migliarina più protetta rispetto al territorio della città, i Sacerdoti di S.Paolino, si trasferirono nel quartiere dove, in una baracca di Via Migliarina, iniziarono a celebrarvi le Messe per l’intera popolazione della Parrocchia.
Terminata la guerra era logico che la vita della Parrocchia ritornasse alla normalità. I Sacerdoti ripresero a celebrare in San Paolino, lasciando però, anche in risposta alle istanze dei contadini del luogo, una messa domenicale in quella baracca che li aveva accolti durante il periodo del conflitto bellico.

Con i primi nuovi insediamenti nel quartiere si fece subito strada l’idea di costruire una Chiesa, succursale a San Paolino, con l’intento di offrire ai migliarinesi un servizio pastorale più confacente ad una realtà che offriva per il futuro segni di incremento demografico.

Grazie all’impegno dei Sacerdoti, di quel Tempo, Mons.Alfredo Sivieri e don Giuseppe Dati, rispettivamente Parroco e Vice Parroco di San Paolino, nel 1950 fu posta così la prima pietra per la costruzione della nuova Chiesa: chiesa che, dedicata a Santa Maria Assunta, fu inaugurata nel 1954.

Nel 1960 nella zona iniziarono altre costruzioni, arrivarono ancora nuove famiglie e l’idea di una nuova parrocchia incominciò così a maturare. Questa “idea” divenne realtà nel 1965, allorché il territorio della Migliarina diventava, staccandosi da San Paolino, curateria autonoma. In quegli anni la popolazione si aggirava intorno alle duemila persone. La Chiesa di Via della Gronda veniva elevata a chiesa parrocchiale e il servizio pastorale era affidato a Don Carlo Francesconi che, da Parroco di Greppolungo, veniva trasferito a Viareggio dove, in data 1 Gennaio 1965, diveniva Curato della erigenda nuova Parrocchia.

Una volta completate le relative pratiche per il riconoscimento , non solo ecclesiastico, ma anche civile, in data 25 Marzo 1965, l’Arcivescovo Amministratore Apostolico della Diocesi di Lucca in quel tempo Mons.Enrico Bartoletti, istituiva la nuova Parrocchia della Migliarina con il titolo di Prioria di Santa Maria Assunta. Don Carlo Francesconi ne diventava così il primo Parroco-Priore.

 

Unità Pastorale “Migliarina-Terminetto”
terminetto

migliarinaLA NUOVA UNITA’ PASTORALE “Migliarina-Terminetto”
Le due comunità di Santa Maria Assunta e della Madonna del Buon Consiglio, ben presto, per vicinanza e per omogeneità iniziarono a collaborare e a progettare itinerari pastorali comuni. Solo nel 2011, in seguito alla morte di don Gianfranco Rossi, Parroco della Parrocchia del Buon Consiglio, l’Arcivescovo Mons.Italo Castellani, le univa in “Unità Pastorale” e, in data 24 Agosto 2011, ne affidava la responsabilità Pastorale a Don Dante Martinelli, Parroco Moderatore e a Don Daniele Ricci, Co-Parroco.

Meditazione

Cammino anche oggi, come altre volte, ai bordi di un banchetto, ma per me non è una novità, perché vedova fin dalla mia giovinezza, ho spesso sentito, più che visto, il mio prossimo mangiare in allegria mentre io restavo in cucina.

E tuttavia la gioia degli altri è stata e rimane anche la mia gioia, quella di chi si rende utile con ciò che sa fare, perché di suo ha ben poco. Ma Tu oggi, Signore, valorizzando così tanto le vedove, mi fai quasi arrossire, perché mi sento improvvisa-mente  al centro dell’attenzione e non ci sono abituata.

Ti ringrazio, tuttavia, di avermi pensato, accorgendoti che nella folla ci sono anch’io, io, che finché vorrai, Ti seguirò, sebbene con passo sempre più incerto, finché non mi chiamerai o banchetto.  Amen. Così sia.

Cerca nel sito

Dal Parroco

Un caro augurio di pace e un saluto cordialissimo a chi, aprendo questa “finestra”, si affaccia alla nostra Unità Pastorale! Questa “porzione di Chiesa” è come la famiglia di coloro che vivono in un pezzetto di periferia viareggina, credono in Gesù, nel suo Vangelo e nella Vita che egli ha donato per noi e ci ha consegnato. Appartenendo a questa famiglia ognuno ha il suo dono e la sua espressione personale: ognuno è ricchezza per tutti. Ricchezza le persone, le nostre comunità e tutto il nostro servizio pastorale. I sacerdoti

ルイヴィトンiphoneケースの絶対旅行の精神 LOUIS VUITTONは、ブランドの「旅行精神」を徹底的に追求するため、150年もの間、カスタマイズされたサービスを引き続き提供してきましたが、お客様の要件をできる限り満足させると主張していますが、 家に置くことができる家具は全く自由であり、麻雀、テニスラケット、ゴルフクラブ、トランプや箸などの「旅行用品」は問題ありません。 1984年には、この「旅の精神」が他の分野にも広がり、ブランド携帯ケースは正式にはアメリカン?カップ(American Sailing Cup)のスポンサーとなりました。これは冒険旅行スポーツであっただけでなく、帆船が生まれた 1851年)ルイ?ヴィトンがブランドを創設したのと同じ時代でした!