Madonna del Buon Consiglio – seconda parte

Il 20 dicembre 1964 fu posta la prima pietra delle opere parrocchiali. La costruzione fu completata poi gradualmente con altre realtà ricreative e culturali come il bocciodromo , pista di pattinaggio, parco giochi per bambini, locali per il tempo libero, servizio di misericordia, biblioteca, palestra eccetera. Nel 1965 vengono fatti i progetti di massima per la costruzione della nuova chiesa . Il 2 giugno 1973 fu posta la prima pietra alla presenza delle massime autorità cittadine e da un folto gruppo di parrocchiani, Monsignor Raffaele Malfatti benedisse la prima pietra della chiesa parrocchiale. Il 2 maggio dello 1976 la nuova Chiesa fu consacrata dall’arcivescovo Giuliano Agresti. Nel maggio del 78 venne installato l’organo e nello stesso anno fu consegnato dallo scrittore Mario Petrucci il grande crocifisso che sovrasta l’altare.

L’artistica opera della Via Crucis sul legno fu dono della pittrice Lella Morescalchi Farnocchia; un masso di marmo rinvenuto ad Equi Terme, a cui lo scorrere dell’acqua nel tempo aveva dato una forma originale, dopo una particolare lavorazione ad opera di Vinicio Franceschi fu utilizzato come tabernacolo.

Da subito don Renzo si preoccupò di aggregare nuovi parrocchiani anche con attività ricreative. fondò la squadra di calcio che prese il nome di “Ancora”. Il nome si rifaceva allo stemma di Lucca e a quello del comune di Viareggio. Nel 1967 un gruppo di bocciofili sostenute da Lorenzo costruì il bocciodromo con quattro corsie per il gioco delle bocce. Nel 1968 nacque il circolo ricreativo “Ancora” che sarà negli anni 60-70 un punto di ritrovo per tutti i giovani del Terminetto.
In seguito alla morte di Don Gianfranco Rossi, avvenuta l’8 marzo 2011, il 23 Settembre 2012, l’Arcivescovo Mons.Italo Benvenuto Castellani univa la Parrocchia del Terminetto alla Parrocchia della Migliarina. L’unione fra le 2 comunità dava origine alla nuova Parrocchia Migliarina-Terminetto che conta ormai oltre 11.000 abitanti. Parroco veniva confermato don Dante Martinelli, mentre don Daniele Ricci, già Vicario Parrocchiale, veniva nominato Co-Parroco.